skip to Main Content
Menù

Vendita di beni tramite le piattaforme digitali

Vendita Di Beni Tramite Le Piattaforme Digitali

Fai vendita online? Hai un marketplace? Leggi questa circolare.

Scadenza adempimenti

Entro il 31.10.2019 i gestori di marketplaces devono inviare tramite servizi Entratel/Fisconline all’Agenzia delle Entrate la comunicazione dei dati commerciali dei fornitori.

Sono obbligati a tale adempimento i soggetti che facilitano tramite l’uso di interfacce elettroniche (quale un mercato virtuale, una piattaforma, un portale o mezzi analoghi) le vendite a distanza di beni importati o le vendite a distanza di beni all’interno dell’Unione Europea tra fornitori e acquirenti.

L’adempimento, introdotto dall’art. 13 del Decreto Crescita, prevede che questa comunicazione abbia una cadenza trimestrale da effettuare entro il mese successivo a ciascun trimestre.

In sede di prima applicazione la scadenza è 31.10.2019 e riguarda anche le vendite a distanza aventi come oggetto gli apparecchi elettronici sopra dettagliati, effettuate nel periodo compreso tra il 13 febbraio 2019 e il 30 aprile 2019.

Infatti, queste operazioni sono anch’esse oggetto del nuovo adempimento secondo i termini e le modalità suindicate, mentre precedentemente la comunicazione avente per oggetto questi beni aveva come termine il mese di luglio 2019.

L’Amministrazione Finanziaria precisa, nel provvedimento n. 660061/2019, che la comunicazione riguarda le “vendite a distanza” relative a:

  • cessioni intracomunitarie di beni (cioè le cessioni di beni spediti o trasportati direttamente o indirettamente dal fornitore a partire da uno Stato membro dell’Unione europea diverso da quello di arrivo della spedizione o del trasporto a destinazione dell’acquirente);
  • le cessioni di beni importati da Paesi extra-Cee (si tratta delle cessioni di beni spediti o trasportati direttamente o indirettamente dal fornitore a partire da territori terzi o Paesi terzi a destinazione dell’acquirente.

I dati da comunicare per ciascun fornitore sono i seguenti dati:

  • denominazione i dati anagrafici completi, la residenza o il domicilio,
  • il codice identificativo fiscale ove esistente,
  • l’indirizzo di posta elettronica
  • il numero totale di unità vendute in Italia
  • identificativo univoco utilizzato per effettuare le vendite online
  • l’ammontare totale dei prezzi di vendita o il prezzo medio di vendita (a scelta del soggetto passivo).

La mancata o incompleta trasmissione dei dati comporta un coinvolgimento diretto dei soggetti passivi, che diventano debitori d’imposta con riferimento alle vendite a distanza per le quali non hanno trasmesso, o hanno trasmesso in modo incompleto, i dati.

Per qualsiasi informazione e chiarimento potete contattare Amministrazione Srl  T. 037386885 – E. info@amministrazionesrl.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
Cerca