skip to Main Content
Menù

Sostituzione PIN INPS con il sistema pubblico d’identità

Sostituzione PIN INPS Con Il Sistema Pubblico D’identità

Amministrazione Srl, con sede a Crema, trasmette la circolare riguardante il processo di sostituzione del PIN INPS con il sistema pubblico digitale (SPID).

Dal prossimo 1° ottobre l’istituto di previdenza, salvo poche eccezioni, non rilascerà più il personal identification number (PIN), ossia il codice che oggi consente agli utenti di utilizzare i servizi online
disponibili nel sito internet.

L’Istituto intende procedere al passaggio dal PIN allo SPID che permette di interagire con tutta la pubblica amministrazione con un solo codice identificativo e anche con le amministrazioni europee.
Pertanto, a decorrere dal 1° ottobre 2020 l’Inps non rilascerà più PIN come credenziale di accesso ai servizi dell’Istituto.

Tuttavia, il PIN dispositivo sarà mantenuto per gli utenti che non possono avere accesso alle credenziali SPID, come ad esempio i minori di diciotto anni o i soggetti extracomunitari, e per i soli
servizi loro dedicati.

Al fine di consentire il passaggio graduale dell’utenza verso le credenziali SPID, garantendo la continuità della possibilità di accesso ai servizi dell’Istituto, lo switch-off dal PIN allo SPID sarà preceduto da una fase transitoria, che avrà inizio il 1° ottobre 2020 e nel corso della quale:

  1. non saranno rilasciati nuovi PIN agli utenti, salvo quelli richiesti da utenti che non possono avere accesso alle credenziali SPID e per i soli servizi loro dedicati;
  2. i PIN già in possesso degli utenti conserveranno la loro validità e potranno essere rinnovati alla naturale scadenza fino alla conclusione della fase transitoria.

In base all’andamento del processo di passaggio allo SPID, l’Istituto, in accordo con il Ministero per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione, l’AGID e il Ministero del Lavoro e delle politiche
sociali, fisserà la data di cessazione definitiva di validità dei PIN rilasciati dall’Inps.

Le informazioni relative a SPID si trovano sul sito www.spid.gov.it, compreso l’elenco degli intermediari che rilasciano l’identità digitale e i relativi costi. Infatti a differenza del Pin necessario
oggi per accedere ai servizi Inps, l’attivazione di SPID può essere gratuita o comportare costi fino a oltre 20 euro.

È dunque opportuno che tutti gli utenti interessati dal cambiamento si muovano in tempo per passare al nuovo sistema, evitando di ritrovarsi con un codice scaduto e non più utilizzabile.

Restiamo a disposizione per eventuali chiarimenti.

Per qualsiasi informazione e chiarimento potete contattare lo studio al: T. 037386885 – E. info@amministrazionesrl.it 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
Cerca