skip to Main Content
Menù

Dichiarazione dei redditi per il 2019 da consegnare entro il 18/5/2020

Dichiarazione Dei Redditi Per Il 2019 Da Consegnare Entro Il 18/5/2020

NOVITA’ – Dichiarazione dei redditi per il 2019 (modelli REDDITI e 730/2020) delle persone fisiche

Si segnalano brevemente le principali novità per dichiarazione redditi anno 2019:

  • estensione dell’utilizzo del 730 all’erede: per persone decedute nel 2019 o entro il 30 settembre 2020 possibilità di utilizzo del modello 730 per la dichiarazione del contribuente deceduto avente i requisiti per utilizzare tale modello semplificato;
  • nuovo limite reddituale per i figli a carico: dall’anno d’imposta 2019, per i figli di età non superiore a 24 anni, il limite di reddito complessivo per essere considerati a carico è elevato a 4.000 euro;
  • detrazione per riscatto dei periodi non coperti da contribuzione (c.d. “pace contributiva”): l’onere sostenuto per il riscatto degli anni non coperti da contribuzione, può essere detratto dall’imposta lorda nella misura del 50% con una ripartizione in 5 quote annuali;
  • detrazione per infrastrutture di ricarica: per le spese sostenute dal 1.3.2019 al 31.12.2021 per acquisto e posa di infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica è previsto una detrazione dall’imposta lorda nella misura del 50% delle spese sostenute, di ammontare comunque non superiore a 3.000 euro, con una ripartizione in 10 rate annuali;
  • sport bonus: previsto il credito d’imposta per le erogazioni liberali in denaro per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche;
  • credito d’imposta per bonifica ambientale: previsto il credito d’imposta per le erogazioni liberali in denaro effettuate per interventi su edifici e terreni pubblici per la bonifica ambientale;
  • detrazione per spese di istruzione: per l’anno 2019 l’importo massimo annuo delle spese per cui si può fruire della detrazione è pari a 800 euro.
  • tassazione dei compensi derivanti dall’attività di lezioni private e ripetizioni: dal 2019, i compensi per lezioni private e ripetizioni sono soggetti a imposta sostitutiva del 15 per cento;
  • scheda per la scelta della destinazione dell’8 per mille dell’Irpef: possibilità di destinare l’otto per mille dell’Irpef allo Stato indicando una specifica finalità tra cinque distinte opzioni: fame nel mondo, calamità, edilizia scolastica, assistenza ai rifugiati, beni culturali.

2. Richiesta documenti da consegnare/trasmettere allo studio per la compilazione delle dichiarazioni redditi e modello 730/2020 persone fisiche

Di seguito riepiloghiamo le principali informazioni, con consegna della documentazione qualora non già in conservazione presso lo Studio, ai fini della compilazione della dichiarazione dei redditi dell’anno 2019 delle persone fisiche:

  1. Variazione dati anagrafici dichiarante/coniuge/convivente/familiari a carico; indicazione e codice fiscale dei figli di età inferiore a 3 anni, degli eventuali figli portatori di handicap, dei mesi in cui il familiare è a carico e della relativa percentuale; eventuale sentenza di separazione o divorzio;
  2. documentazione relativa alle variazioni dei redditi dei terreni e dei fabbricati: acquisto, vendita, accatastamento, successione, donazione, concessione in locazione/affitto/comodato, fabbricati destinati ad abitazione principale, fabbricati tenuti a disposizione, immobili vincolati di interesse storico e/o artistico, ecc. – atti notarili di riferimento;
  3. atti di acquisto di immobili, a partire dall’1.1.2019, usufruendo delle agevolazioni prima casa, eventuale atto di mutuo e copia fattura notaio;
  4. canoni di locazione percepiti e relativi al 2019;
  5. canoni di locazione di immobili ad uso abitativo per i quali è stata effettuata l’opzione per la “cedolare secca”;
  6. dati relativi all’unità immobiliare adibita ad abitazione principale e detenuta in locazione e contratto di locazione con registrazione;
  7. certificazione dei redditi di pensione, lavoro dipendente o assimilati, compresi i compensi percepiti in relazione a rapporti di collaborazione coordinata e continuativa o di lavoro a progetto (modello CU 2020);
  8. stipendi, pensioni e redditi assimilati prodotti all’estero percepiti da soggetti residenti;
  9. assegni periodici percepiti quale coniuge separato o divorziato, con specificazione della quota per il mantenimento dei figli, copia sentenza di separazione o divorzio;
  10. altri assegni periodici (testamentari/alimentari);
  11. borse di studio e indennità percepite per cariche pubbliche elettive;
  12. certificazioni dei redditi e delle ritenute relativi a rapporti di lavoro autonomo (diritti d’autore o d’inventore, associazione in partecipazione, collaborazioni con società e associazioni sportive dilettantistiche, ecc.) e di lavoro occasionale;
  13. prospetto del reddito di partecipazione in società di persone o associazioni assimilate, srl che hanno optato per la trasparenza fiscale, imprese familiari e aziende coniugali (se non gestite dallo Studio);
  14. risarcimenti, anche assicurativi, per perdite di reddito;
  15. scelta per la destinazione dell’8 per mille dell’IRPEF;
  16. scelta per la destinazione del 5 per mille dell’IRPEF (con indicazione del relativo codice fiscale) al sostegno degli enti no profit oppure al finanziamento della ricerca scientifica o sanitaria, o al finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici;
  17. scelta per la destinazione del 2 per mille dell’IRPEF in favore di un partito politico;
  18. nel caso in cui non sia stata da noi predisposta, copia della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2018 (modello 730/2019 o REDDITI 2019 PF) o ultima dichiarazione presentata;
  19. nel caso in cui non fosse stata a noi conferita delega alla consultazione del cassetto fiscale, modelli F24 di versamento di tributi e contributi eseguiti nel 2019;
  20. imposte e oneri rimborsati;
  21. lottizzazione od opere su terreni edificabili;
  22. cessioni di beni immobili effettuate nel 2019, entro 5 anni dall’acquisto, esclusi quelli pervenuti per successione;
  23. cessioni di terreni edificabili effettuate nel 2019;
  24. indennità di esproprio e altre somme percepite nell’ambito del procedimento espropriativo;
  25. vincite a lotterie, concorsi a premio, scommesse;
  26. documentazione relativa a detenzione di investimenti e attività estere di natura finanziaria (partecipazioni in società, titoli, conti correnti anche se cointestati);
  27. atti di acquisto di immobili situati all’estero, eventuali canoni percepiti nel 2019 per locazione immobiliare e relativi contratti;
  28. interessi di fonte estera, percepiti senza il tramite di intermediari finanziari residenti;
  29. valore utilizzato nello Stato estero per il pagamento di imposte sul patrimonio o sui trasferimenti; eventuali imposte patrimoniali o reddituali versate nello Stato estero;
  30. redditi derivanti dalla cessione, affitto o usufrutto di aziende;
  31. plusvalenze da cessioni di partecipazioni (azioni/quote), certificazione distribuzione utili.PAGAMENTI EFFETTUATI NEL 2019 per:
  32. spese per abbonamento al trasporto pubblico locale, regionale e interregionale (sostenute anche per i familiari fiscalmente a carico);
  33. spese per assicurazione contro eventi calamitosi stipulate a partire dal 01/01/2019 per unità immobiliari a uso abitativo;
  34. spese sostenute per minori o maggiorenni con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) per l’acquisto di strumenti compensativi e di sussidi tecnici e informatici;
  35. spese straordinarie sostenute per la sistemazione a verde delle unità immobiliari e anche su parti comuni esterne degli edifici condominiali;
  36. contributi previdenziali ed assistenziali obbligatori qualora non eseguiti tramite il nostro Studio;
  37. contributi previdenziali non obbligatori (es. per prosecuzione volontaria, ricongiunzione, riscatti, ecc.), contributo INPS per iscrizione facoltativa;
  38. contributi per gli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o familiare (es. colf, baby sitter e “badanti”);
  39. contributi per la previdenza complementare (fondi pensione e polizze assicurative previdenziali), anche se sostenuti per i familiari a carico;
  40. contributi versati ai fondi sanitari integrativi;
  41. erogazioni liberali a favore della Chiesa cattolica e delle altre confessioni religiose riconosciute;
  42. assegni periodici corrisposti al coniuge separato o divorziato (indicando il relativo codice fiscale), con specificazione della quota per il mantenimento dei figli;
  43. erogazioni liberali a favore di organizzazioni non governative (ONG);
  44. erogazioni liberali a favore di ONLUS, associazioni di promozione sociale, fondazioni e associazioni riconosciute che operano nell’ambito dei beni culturali o della ricerca scientifica, università ed altri enti di ricerca, enti parco regionali e nazionali;
  45. erogazioni liberali a favore di attività culturali e artistiche, di istituti scolastici, di partiti e movimenti politici, di società e associazioni sportive dilettantistiche;
  46. erogazioni liberali a favore di popolazioni colpite da calamità o da altri eventi straordinari, avvenuti anche all’estero;
  47. erogazioni liberali a favore di enti operanti nello spettacolo e di fondazioni operanti nel settore musicale;
  48. erogazioni liberali a favore delle società di mutuo soccorso;
  49. erogazioni liberali a favore di trust o fondi speciali che operano nel settore della beneficienza;
  50. erogazioni liberali a favore degli istituti del sistema nazionale d’istruzione di ogni ordine e grado;
  51. spese mediche generiche e di assistenza specifica, acquisto di medicinali e presidi medici (con documentazione che evidenzia il fine terapeutico) sostenute sia nel proprio interesse che per i familiari fiscalmente a carico e da persone portatrici di handicap;
  52. spese per prestazioni rese in caso di ricovero presso istituti di assistenza, da case di cura e di riposo;
  53. spese sanitarie sostenute nell’interesse dei familiari non fiscalmente a carico, affetti da patologie che danno diritto all’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria pubblica (“ticket”);
  54. documentazione relativa a rimborsi delle spese sanitarie;
  55. spese per i mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione, la locomozione e il sollevamento, compresi i veicoli adattati, relativi a soggetti portatori di handicap;
  56. spese per l’acquisto di sussidi tecnici e informatici per soggetti portatori di handicap e di cani-guida per soggetti non vedenti;
  57. spese mediche veterinarie;
  58. interessi passivi e altri oneri pagati su prestiti o mutui agrari;
  59. interessi passivi ed altri oneri pagati in relazione ai mutui ipotecari per l’acquisto, la costruzione o la ristrutturazione di unità immobiliari da adibire ad abitazione principale;
  60. spese intermediazione immobiliare per acquisto abitazione principale;
  61. spese per la manutenzione, protezione o restauro di beni culturali o ambientali vincolati;
  62. premi versati nel 2019 per polizze vita o infortuni;
  63. spese sostenute nel 2019 per la frequenza di asili nido da parte di figli fino a tre anni di età;
  64. spese sostenute nel 2019 per la pratica sportiva dilettantistica dei ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni;
  65. tasse scolastiche e universitarie pagate nel 2019;
  66. spese di istruzione per la frequenza delle scuole d’infanzia, scuola primaria e secondaria di secondo grado
  67. certificazioni relativamente alle spese sostenute per partecipazione all’attività di pre e post-scuola, di assistenza allo studio svolta da enti, associazioni autorizzate con delibera di istituto;
  68. spese sostenute per il servizio di mensa scolastica documentate tramite ricevuta del bollettino postale o bonifico bancario o tramite attestazione del soggetto (scuola, comune o altro fornitore) beneficiario del pagamento o della scuola;
  69. spese sostenute nel 2019 per i canoni di locazione relativi a studenti universitari “fuori sede”;
  70. spese per il riscatto della laurea di familiari a carico che non hanno ancora iniziato a lavorare;
  71. spese per gli addetti all’assistenza di persone non autosufficienti (c.d. “badanti”), anche se sostenute per familiari a carico;
  72. spese funebri sostenute per familiari;
  73. RISTRUTTURAZIONE IMMOBILI- ACQUISTO IMMOBILI/BOX: Documentazione relativa all’acquisto di unità immobiliari in fabbricati interamente ristrutturati da imprese che danno diritto alla detrazione del 36/41/50% o relative alle spese di ristrutturazione edilizia su immobili già posseduti: fatture e documentazione di sostenimento delle spese (es. bonifici bancari o postali), DIA, comunicazione all’ENEA per gli interventi volti al risparmio energetico.
  74. Certificazione dell’amministratore di condominio della quota delle spese sulle parti comuni che danno diritto alla detrazione; attestazione del venditore delle spese sostenute per la realizzazione di box o posti auto pertinenziali, acquistati nel 2019;
  75. RISPARMIO ENERGETICO: Documentazione relativa agli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti che danno diritto alla detrazione del 55/65% (copia fatture e relativi bonifici, documentazione ENEA) o del 70/75%-80/85% per interventi su parti comuni edifici condominiali;
  76. spese per installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative;
  77. spese che danno diritto alla detrazione del 50 per cento per l’acquisto di mobili per l’arredo di immobili ristrutturati con interventi iniziati a decorrere dal 1° gennaio 2018.
  78. spese sostenute per riscatto dei periodi non coperti da contribuzione;
  79. spese per infrastrutture di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica;
  80. spese sostenute per sport bonus impianti sportivi pubblici e bonifica ambientale edifici e terreni pubblici.

PER I CONTRIBUENTI IN REGIME FORFETTARIO
Per i soggetti che adottano il regime forfettario e che non utilizzano strumenti di fatturazione elettronica si chiede di far pervenire allo Studio quanto prima le fatture relative all’anno 2019 e le date di incasso.

LA CONSEGNA DELLA DOCUMENTAZIONE DOVRA’ ESSERE EFFETTUATA MEDIANTE RECAPITO NELLA CASSETTA DELLA POSTA DELLO STUDIO (PREVIO AVVISO) IN BUSTA CHIUSA O SCANNERIZZATA E INVIATA TRAMITE MAIL ALL’INDIRIZZO info@studiocommercialistibmgr.it CON INDICAZIONE NELL’OGGETTO DELLA PERSONA A CUI LA DOCUMETAZIONE SI RIFERISCE.

Cordiali saluti

Per qualsiasi informazione e chiarimento potete contattare Amministrazione S.r.l., con sede a Crema, in via Largo della Pace 6. 

T. 037386885 – E. info@studiocommercialistibmgr.it oppure compilare il form

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top
Cerca